Canada Bike 2011

2500 km, in mountain bike senza supporti e solo con il materiale minimo ed essenziale attraverso la British Columbia e le Montagne Rocciose fino allo Yukon.

Maurizio Belli e Fulvio Giovannini i protagonisti di questa affascinante avventura negli immensi e selvaggi spazi incontaminati del Grande Nord, un’idea cullata da tempo per vivere sempre nuove emozioni e suggellare una profonda amicizia.

Partiti da Vancouver e dalla Baia di Horseshoe il 2 di giugno in appena diciassette giorni e mezzo superando circa 25.000 metri di dislivello in salita hanno raggiunto la cittadina di Whitehorse nello Yukon Territory uno delle regioni più a nord del Canada. Hanno compiuto un percorso davvero unico e spettacolare attraversando tutta la Columbia Britannica e parte dello Yukon canadese percorrendo le mitiche e sconfinate Highway del Canada; sulla Sea to Sky Hwy passando le zone sciistiche di Whistler, località famose anche per essere state insieme a Vancouver, sede degli ultimi Giochi Olimpici Invernali, salendo le spettacolari e ancora innevate montagne della zona costiera, attraverso i grandi Plateu dell’Interno e le più fredde, selvagge e poco abitate regioni del nord della Provincia.

Sui 734 km della Cassiar Higway hanno trovato le maggiori difficoltà, distante infinite, centinaia di chilometri senza punti di rifornimento e alloggio con il manto stradale molto rugoso e duro da pedalare con tratti di ghiaia. Questa strada ha però regalato ai protagonisti scenari davvero unici ed incontri emozionanti ravvicinati con orsi, alci e una grande varietà di fauna selvatica. Imponenti paesaggi, foreste pluviali, fiumi, gole profonde, grandiosi ghiacciai, innumerevoli laghi e zone incontaminate distinguono la regione.

Il “sistema” e modo utilizzato per il raid è stato nuovo e innovativo senza i classici “borsoni” ai lati della bicicletta ma portandosi solo poche e indispensabili cose per vestire, riparare la bici, di pronto soccorso e integrare l’alimentazione, il tutto trasportato in speciali sacche costruite appositamente e inserite all’interno del telaio della mountain bike. Niente sacco a pelo, tenda, vestiti di ricambio e materiale per il beauty, cercando quindi di viaggiare il più leggero possibile, contando sulla velocità e il maggior numero possibile di km da percorrere giornalmente affidandosi per il dormire e il mangiare ai pochi lodge e “gas station” che si potevano incontrare sul percorso. Per i tratti più lunghi con tratti di strada anche di 100-150 km senza punti di appoggio è stata prevista la possibilità di bivaccare all’aperto utilizzando tutto l’abbigliamento a disposizione indossato “a cipolla”, uno sopra l’altro per trovare un minimo di comfort durante il riposo.

I protagonisti, per quanto possibile hanno seguito una precisa strategia di marcia: non forzare l’andatura e la distanza percorsa giornalmente nella prima parte di viaggio ma “salvare”energia e aumentare i chilometri nella parte finale.

La media dei km percorsi è stata di circa 140-150 chilometri al giorno con, alla fine della traversata, 350 km percorsi in 32 ore, e 700 in circa tre giorni. Ore e ore passate in sella alla bicicletta senza mai un giorno di riposo, interminabili e spesso fredde giornate trascorse lottando sui pedali contro il forte vento proveniente dal Pacifico, sotto il sole, la pioggia e i frequenti temporali, superando le continue e interminabili salite con il costante pericolo dei grossi camion che a forte velocità ti superano risucchiandoti nel vortice della loro forte velocità;

un viaggio, un'avventura davvero unica e bellissima per conoscere con lo sport, la fatica nel mezzo degli elementi della natura un territorio così vasto, incontaminato e selvaggio.

 

NOTE ITINERARIO

  • il percorso ha attraversato completamente da sud a nord per circa 2000 km la British Columbia e per altri circa 500 la parte meridionale dello Yukon Territory del Canada
  • questi territori sono Province canadesi, la prima quella più occidentale e la seconda la più settentrionale insieme ai Territori del Nord Ovest
  • entrambe queste Province confinano a nord ovest con lo stato americano dell’Alaska e sono caratterizzate da un territorio molto vasto con una bassissima densità di popolazione
  • la British Columbia e Yukon insieme hanno un territorio di quattro volte e mezza l’Italia con una popolazione come la provincia di Roma (lo Yukon una volta e mezza l’Italia con circa 30.000 abitanti, meno di Rovereto)
  • Vancouver è la città più popolosa della BC, unica con i suoi innumerevoli parchi e “grattacieli in vetro”gode di un elevato tenere e qualità di vita, è considerata la città dove si vive meglio al mondo
  • Whiteorse è la capitale del territorio dello Yukon, è attraversata dal mitico Yukon river, il famoso fiume dei cercatori d’oro che nasce proprio nelle sue vicinanze e attraversando tutta l’Alaska arriva fino al mare di Bering
  • Vancouver e il sud della Britsh Columbia sono caratterizzate da un clima mite, man mano si sale verso nord l’ambiente diventa sempre più disabitato, selvaggio e freddo
  • Whitehorse e lo yukon canadese sono caratterizzate da un clima subartico continentale